gototopgototop


Un'architettura sostenibile

 

Giovanna FERIOLI, marzo 2011

 

 

Le tradizioni dei paesi della valle dello Stura

 

     Uno Zoom  sul territorio piemontese per farne la conoscenza.

Il comprensorio GAL racchiude le valli di Lanzo, Gerola  e Casternone, si estende dall'arco alpino fino alla pedemontana confinante con il Parco Regionale della Mandria.

Germagnano, Traves, Pessinetto, Mezzenile, Ceres sono le località che si sgranano lungo il fiume Stura prima della biforcazione dello Stura di Val di Ala e lo Stura della Val Grande.

 

     Il territorio si distingue per la presenza di tipici paesaggi alpini di alta o media montagna mentre nella parte inferiore tende a prevalere la conformazione territoriale fluviale, così gli agglomerati urbani si configurano a valle con costruzioni a più piani con balconate e poggioli e nei boschi  in piccole costruzioni  spesso costituite da un unico spazio.

Sino qui nulla di straordinario anzi direi pleonastico ma ciò che mi ha colpito nell'incontro con i paesi di questo territorio è una identità nascosta schiva e un po' vergognosa della tradizione costruttiva locale.

Le costruzioni sono ordinatamente intonacate, i poggioli rigorosamente sottolineati da ringhiere sobrie in ferro di presenza artigiana valligiana e escludendo i tetti che spesso sono in lastre in pietra, il legno e la pietra  restano occultati  negli involucri gelosi delle costruzioni, i colori sono cauti in attesa che l'impatto del verde ne esalti naturalmente la presenza.

A volte la tradizione  del ferro si esprime in garbati tocchi falsamente pittoreschi che arredano alcuni angoli delle località .

Bisogna proprio cercare con attenzione nei paesi per rintracciare ciò che in questo ambito ha mantenuto il suo rigore storico, dove pietra , legno e ferro si accostano spontaneamente in  giochi intriganti e suggestivi.

 

ceresAnche Ceres conserva una piccola zona (rossa) tipica molto gustosa che mi auguro sia inserita in progetti di recupero come la regione Piemonte promuove e come gli studi delle università propongono.

 

Lo sapevate che

 

L'architettura montana costituisce senza alcun dubbio un modello del tutto attuale di architettura sostenibile: i materiali che utilizza sono spesso ricavati dalle risorse naturali rendendo le costruzioni montane sempre rispettose dell'ambiente e in forte organicità e sinergia con il contesto naturale e paesaggistico.

 

 Un modello ideale di sostenibilità che integra gli "aspetti-problemi"

ambientali con quelli economici, tecnologici e sociali, e partendo da questi

presupposti determina risultati di rilevante valore estetico.

 Giovanna FERIOLI, marzo 2011

 

 

Il presente articolo è correlato all'escursione "Rupe di S. Cristina" del 27 marzo 2011